Blog

ERP in cloud, a chi conviene e quali sono i benefici

18 marzo 2021 / da Sinfo One

Il futuro della gestione aziendale è sulla nuvola ed è per questo che l’ERP cloud rappresenta la soluzione ideale e, per certi versi, la strada obbligata, per le imprese che vogliono essere sempre più competitive ed efficienti sui propri mercati.

Per questa ragione la risposta alla domanda “A chi conviene utilizzare un ERP in cloud?” non può che essere: “A tutte le realtà aziendali”. In particolare, a tutte le PMI che non vogliono appesantire la propria infrastruttura hardware e non vogliono (o non possono) investire in una sostituzione dei propri server.

Le soluzioni on premise non spariranno, certo, ma la tendenza oggi è netta: sempre più aziende hanno necessità di portare il proprio ERP in cloud.


Come migrare verso il cloud

Se la migrazione verso il cloud è un’evoluzione naturale, i tempi e i modi con i quali avviene sono diversi da cliente a cliente.

Non è solo una questione di costi. Numerosi articoli e contenuti sull’argomento si concentrano sui vantaggi di un noleggio pay per use (attraverso il modello SaaS – Software as a Service) rispetto all’acquisto di una licenza completa.

Questo è vero fino a un certo punto, perché la formula pay per use può essere replicata (in termini di fatturazione) anche per l’acquisto di una soluzione completa. Insomma, da questo punto di vista deve essere l’azienda a scegliere se effettuare il cambio di ERP come investimento a medio-lungo termine o sotto forma di noleggio.

Piuttosto, come vedremo più avanti, la grande differenza tra on premise e cloud riguarda aspetti come:

  • comodità,
  • sicurezza
  • scalabilità.


Con il nuovo approccio offerto dai migliori vendor ERP anche l’autonomia e la flessibilità diventano caratteristichedelle soluzioni in Cloud.

Ma procediamo con ordine. 

Prima di tutto, dobbiamo rilevare che la maggior parte delle aziende in Italia utilizza un sistema ERP on premise, vale a dire una soluzione installata sui propri server che, con tutta probabilità, è stata customizzata e personalizzata nel corso degli anni per venire incontro alle nuove esigenze di business.

Ovviamente, dopo aver effettuato un investimento simile, è naturale che la società preferisca non perdere il vantaggio competitivo di efficienza, cercando un sistema ERP verticale che copra già tutte le tipicità del proprio settore, e con la flessibilità necessaria a poter gestire anche le specificità dell’azienda stessa. E allo stesso modo capita di frequente che l’impresa abbia acquistato dei server o un’infrastruttura IT che non ha ancora finito di ammortizzare. 

Ecco perché le migliori soluzioni ERP in cloud assicurano anche la possibilità di implementare la soluzione direttamente sui server del cliente per poi pianificare la migrazione in ambiente cloud (private cloud, public cloud o cloud as a service) in un secondo momento.

Questi esempi estremamente pratici dimostrano che non ci troviamo di fronte a una sfida tra ERP in cloud e ERP on premise quanto, piuttosto, alla necessità di soddisfare le esigenze di ciascun cliente con una soluzione verticale, flessibile, e che permetta un approccio al cloud sia nel presente che nel futuro.


I 3 principali benefici dell’ERP in cloud

Comodità, sicurezza, flessibilità e autonomia: abbiamo detto essere questi i benefici principali dell’ERP in cloud.

Vediamoli più nel dettaglio.


1- Comodità

L’azienda acquista solo i moduli di cui ha bisogno per gli utenti necessari con la possibilità di implementarne altri in qualsiasi momento a seconda delle proprie esigenze di business. Inoltre, non si deve più occupare dell’infrastruttura come avviene con le soluzioni installate sui server locali.


2- Sicurezza

Possiamo dire che negli ERP in cloud la sicurezza è garantita dal vendor, mentre nelle soluzioni on premise è in capo al cliente. Oggi il cloud rappresenta una garanzia in termini di sicurezza IT perché tutte le informazioni vengono memorizzate in server all’avanguardia e con procedure di salvaguardia e recupero dei dati più efficienti rispetto ai classici server aziendali.


3- Flessibilità e autonomia

Per autonomia intendiamo la possibilità di mantenere il pieno controllo sull’evoluzione della soluzione, potendo decidere se e come effettuare aggiornamenti e personalizzazioni. Non è un dettaglio.

Il classico modello SaaS prevede l’aggiornamento automatico delle nuove release software da parte del vendor per tutti gli utenti. In linea di massima non si tratta di un aspetto negativo, ma quando un’azienda si trova in un periodo di lavoro particolarmente intenso oppure deve gestire commesse complesse, questo update potrebbe rivelarsi controproducente.

Ecco perché il nuovo approccio, e uno dei punti di forza, dei migliori sistemi ERP in cloud sta nella capacità di offrire al cliente una soluzione dedicata e non condivisa con altri utenti, garantendo quindi un’autonomia di evoluzione superiore anche a quella delle soluzioni on-premise. Infatti non solo si elimina il vincolo dell’aggiornamento automatico ma anche il limite evolutivo determinato dall’infrastruttura hardware. Inoltre una soluzione di questo tipo permette anche la possibilità di customizzazioni specifiche del cliente, permettendo di poter garantire una copertura puntuale dei processi tipici.


Altri aspetti da considerare

Se i benefici di una soluzione in cloud sono evidenti, ci sono altri aspetti più specifici da considerare che possono fare la differenza.

In particolare, oggi è importante scegliere soluzioni nativamente integrate e in grado di coprire tutti i processi e le operations aziendali attraverso un’impostazione:

  • multi-piattaforma,
  • multi-database,
  • multi-company (ed eventualmente anche multi-stabilimento).


A fare la differenza non è solo l’architettura del software ERP quanto la sua capacità reale di offrire al cliente flessibilità, autonomia e un’operatività ottimizzata secondo le sue esigenze per avere un fattore competitivo differenziale.


Clicca qui per scaricare il White Paper: "Food & Beverage Supply Chain: come garantire sicurezza al top"

Tags: ERP