Blog

Logistica magazzino: ridurre tempi e costi con ERP di nuova generazione

30 luglio 2020 / da Sinfo One

Migliorare la logistica di magazzino è un processo che si misura certamente con il rispetto dei tempi di consegna sempre più stretti, ma non solo. Nelle giornate di lavoro “ordinario”, un magazzino efficiente non corre rischi particolari, ma chi opera in ambito logistico sa bene che gli imprevisti che possono complicare le cose sono sempre dietro l’angolo.

Ordini non previsti di grandi quantità di merce, articoli smarriti o stoccati in maniera errata piuttosto che resi possono causare ritardi e criticità, fino a compromettere il regolare svolgimento del processo logistico.

E se si ferma il magazzino, si ferma l’azienda. Una condizione critica in tutti i settori merceologici, ma addirittura vitale in ambiti come il food and beverage, dove si ha a che fare con prodotti altamente deperibili.

Nel mondo dell’agroalimentare l’efficienza della logistica di magazzino va ben oltre i classici parametri di rapidità e produttività perché l’azienda è chiamata a monitorare e salvaguardare i principi di gestione qualità, tracciabilità e rintracciabilità dei propri prodotti.

Questo è il motivo per cui sempre più aziende food and beverage stanno sostituendo software di gestione del magazzino con ERP di ultima generazione.

In realtà, far fronte meglio agli imprevisti non è l’unico motivo che sta spingendo le imprese a scegliere soluzioni più innovative, perché tra gli obiettivi che si possono raggiungere ci sono senz’altro:

  • La riduzione dei tempi e dei costi
  • Gestione automatica dei piani di inventario e delle ubicazioni
  • La semplificazione e la sicurezza nella gestione dei lotti


Quest’ultimo punto merita un approfondimento…


Migliorare la logistica di magazzino attraverso la gestione dei lotti

La gestione del lotto è un aspetto centrale per misurare le performance aziendali in ambito di logistica e magazzino. Se da un lato è evidente che la tracciabilità e rintracciabilità dei lotti sia essenziale per ritirare dal mercato in tempi brevissimi prodotti non conformi o potenzialmente pericolosi e per gestire al meglio le scadenze degli ingredienti, dall’altro rappresenta un metro di misura importante per ottimizzare i rapporti con i propri fornitori.

Proprio così. Un ERP di ultima generazione è in grado di generare informazioni preziose sia a livello logistico sia nel rapporto con i fornitori, migliorando la catena del valore. Mentre le soluzioni informatiche più datate si limitavano a gestire le scadenze degli ingredienti o dei semilavorati, quelle di ultima generazione sono in grado di tracciare tutte le precedenti lavorazioni di un particolare lotto di produzione, così da calcolare la resa di ciascuna fornitura ed eventuali anomalie.


Una soluzione unica per risparmiare sulla logistica di magazzino

Acquistare un ERP è senza dubbio un investimento importante per un’impresa. Ma il punto è che una soluzione informatica unica che metta in connessione tra loro i vari reparti è più vantaggiosa rispetto a software diversi per gestire amministrazione, logistica di magazzino, ecc.

Questa è l’essenza stessa di un ERP. Tuttavia una soluzione gestionale di ultima generazione, grazie alla scalabilità e alla possibilità di acquistare singoli moduli (proprio come quelli relativi al magazzino e alla logistica) consente all’azienda che l’acquista o la noleggia tramite cloud di utilizzare solo le funzionalità che le servono davvero senza precludersi la possibilità di ampliare l’offerta in caso di crescita o diversificazione del business.


Dalla ricerca articolo ai report

Banalmente, un operatore che lavora in magazzino deve poter risalire a tutte le informazioni su ciascun articolo anche da un solo parametro di ricerca disponibile e il sistema, grazie a quel parametro (talvolta persino a “frammenti” incompleti di parametro come numeri di serie, tag…) deve restituire all’operatore una serie di risultati selezionati e totalmente coerenti con la sua ricerca.

Ecco perché un ERP di ultima generazione è chiamato a integrare dispositivi mobile e wearable come i reader di tag Rfid e barcode, così da ridurre i tempi ed evitare errori umani.

Se è evidente come, eliminando errori logistici e spedizioni errate, le aziende risparmino sui costi di resi o riaddebiti da parte dei clienti, queste tecnologie rendono anche i lavoratori più efficienti automatizzando la raccolta dei dati dei codici a barre (articolo/lotto/ubicazione...). In particolare, l’integrazione immediata di queste informazioni in tempo reale all’interno del sistema ERP permette di evitare un lavoro manuale di inserimento dati lungo, noioso e particolarmente esposto a errori.

Un ERP di ultima generazione consente di ottenere una visuale a 360 gradi su tutta la logistica di magazzino, dai singoli item ai lotti di produzione, con la possibilità di generare automaticamente report in grado di approfondire qualsiasi aspetto e/o criticità legati direttamente o indirettamente a questi processi.


Conclusioni

Risulta, quindi, evidente come per ridurre tempi e costi della logistica di magazzino non basti rispondere prontamente a sollecitazioni improvvise e imprevisti, ma ci sia bisogno di automatizzare il maggior numero di processi per aumentare la sicurezza e la qualità del prodotto.

E solo un ERP di nuova generazione è lo strumento idoneo ad automatizzare e gestire il delicato processo logistico di un’azienda. Tanto più in un settore come quello del food and beverage.


Dal Data Warehouse alla cultura aziendale: guida pratica al controllo della tua impresa

Tags: Logistica magazzino